Cos’è l’hockey

“Le ruote sotto ai piedi fanno di te il vento,
indossare le protezioni fanno di te un combattente,
impugnare la mazza fa di te un cavaliere,
colpire il disco fa di te un vincente,
far parte di una squadra fa di te un eletto,
entrare in una pista, fa di te un giocatore di hockey.”

1. E’ un gioco semplice, con poche regole:
due squadre che si scontrano su un terreno di gioco con una mazza impugnata per colpire un disco o una pallina e fare gol all’avversario.
Questo sport è nato dalla semplice voglia del gioco, lo hanno perfezionato e regolamentato fino a farlo diventare l’hockey in-line, ma prima è passato attraverso un lungo cammino:
La voglia iniziale fu quella di poter giocare l’hockey non solamente sul ghiaccio, e così venne praticato nelle strade, nei campi, nelle piazze, con poche regole dettate dal buon senso; ma non bastava, mancava la velocità che rendeva tutto più spettacolare. Così vennero messe delle ali ai piedi, i “Rollerblade”, pattini particolari con le ruote poste in linea, quasi a formare una “lama rotolante”. Protezioni su tutto il corpo permettono di non procurarsi ferite. Lo sport si è modificato ancora e ha cercato superfici più lisce per poter aumentare la velocità del gioco e così si è spostato nelle piste, dove si sono formate squadre di un massimo di 14 giocatori che a turno (5 alla volta) si affrontano. Sono state costruite porte per segnare i punti, e regole per tutelare tutti i giocatori. E infine anche le ragazze hanno trovato affascinante questo gioco perciò, loro come tutti, devono e possono giocare, con squadre miste o con squadre di sole donne, non importa come, ma questo sport accoglie tutti e non allontana nessuno!
Solidarietà, amicizia, rispetto, coraggio e gioco di squadra il tutto mischiato con i tuoi compagni o compagne, rendano “pura” questa disciplina.

2. Inizialmente l’hockey era uno sport giocato solamente sul ghiaccio, perciò per poche persone. Ma la gente che lo vedeva giocare, rimaneva colpita da questa disciplina, che miscelava: velocità, forza, precisione e armonia nei movimenti. Nacque la voglia di praticarlo anche su altri terreni.

Così nacque l’HOCKEY SU PRATO che veniva praticato da due squadre che correvano con mazze in mano dietro a una pallina, ma non era bello come l’originale, infatti mancava la velocità.
Venne inventato l’HOCKEY  PISTA che veniva praticato con dei pattini, ma anche questi avevano dei limiti: potevano essere usati solo su superfici lisce, perciò era nuovamente uno sport per pochi.
Infine costruirono un pattino diverso, chiamato “rollerblade” il quale aveva le ruote poste su una sola linea quasi a formare una “lama rotolante” e poteva andare su superfici anche non perfettamente lisce, così l’hockey iniziò ad essere praticato per strada, nelle piazze, nei vicoli, ovunque….. Vennero riprese le protezioni dell’hockey sul ghiaccio, modificando un po’ i materiali: vennero fatti più resistenti per sopperire all’abrasione delle piste occasionali, vennero modificate le mazze per adattarsi alle superfici più svariate, vennero migliorati i pattini, facendoli diventare delle vere ali ai piedi!
Questo sport venne chiamato STREET HOCKEY ma non vi erano molte regole, era nato solo per la voglia di giocare in gruppo. Le squadre crescevano esponenzialmente e così ci fu bisogno di regole precise che tutelassero lo stesso sport e i giocatori. Ed ecco arrivare l’HOCKEY IN-LINE.
L’hockey in-line si gioca su piste comprese fra i 20×40 metri e i 30×60 metri, delimitate da balaustre che hanno lo scopo di non far uscire il disco dal campo di gioco; si affrontano due squadre con 5 giocatori in campo e fino a 10 riserve in panchina, che possono entrare svariate volte in campo a seconda delle necessità. I giocatori (soprattutto il portiere) sono ben protetti da tutta una serie di protezioni che formano quasi un armatura futuristica, indossano pattini con ruote in linea e impugnano mazze per colpire il disco. Il gioco consiste nel segnare più gol dell’avversario, per poter così vincere l’incontro. Vi sono regole che decretano falli e espulsioni temporanee o definitive, chi pensa che l’hockey sia uno sport violento si sbaglia, è uno sport di “carattere”, la violenza viene punita e severamente!
Questo nuovo sport affascina tutti, anche le stesse ragazze si identificano in lui, ed è proprio per la sua non pericolosità che lo si può praticare con squadre miste (donne e uomini insieme), senza paura di farsi o fare male a nessuno.

E se la tua squadra esce di pista vincente: i giocatori di hockey sono gli eletti cavalieri nel vento che hanno combattuto, vincendo!

  • 06-BAR STADIO – Empoli (FI)
  • 08-Comune di Empoli
  • Chianti banca
  • Lions
  • NATURHOUSE






  • login









4 utenti In linea

google
Ricerca interna: