COMMENTI semifinale 2 FINAL FOUR

HOCKEY EMPOLI – ASIAGO PINK VIPERS = 2-3 (0-0)

EMPOLI: Serena Boschi (p), Lara Amici (p), Domenica Tudini (c), Valeria Guglielmino, Chiara Battocchio, Carol Belvedere, Laura Giannini, Martina Marroncini, Martina Massa, Giulia Pagliaricci, Rosalba Pirino, Paola Politi, Eleonora Raia, Alessandra Salvatore, Martina Ventura. All. Stefano Carboncini.

ASIAGO: Martina Caneva (p), Monica Pesavento (c), Marika Pertile, Linda De Rocco, Silvia Toffano, Marta Vellar, Elena Sartori, Daniela Alzetta, Agnese Tartaglione, Anna Rigon. All. Riccardo Forte.

ARBITRO: Rizzi di Piacenza e Liotta di Riccione.

RETI: 24’56” Guglielmino (E), 27’34” Guglielmino (E), 29’05” Tartaglione (A), 29’31” Toffano (A), 35’26” Toffano (A).

PENALITÀ: 04’45” Toffano (2’), 06’33” Ventura (2’), 13’51” Pertile (2’), 16’59” De Rocco (2’), 22’13” Tudini (2’), 24’40” Alzetta (2’), 27’10” Salvatore (2’), 34’32” De Rocco (2’), 36’25” Pesavento (2’).

Seconda semifinale decisamente più equilibrata ed infuocata della 1ª. Le giocatrici di casa sentono troppo il peso della posta in palio e partono molto contratte non giocando, almeno nel 1° tempo, all’altezza di altre circostanze. Tutt’altra musica nella ripresa, con coach Carboncini capace nella pausa di infondere nelle proprie ragazze maggior tranquillità e convinzione nei propri mezzi. Al 24’56” una prorompente discesa della rientrante Guglielmino regala il vantaggio alle locali nonostante il duo arbitrale ci metta un po’ a convalidare la rete sotto la pressione delle accese proteste del pubblico ospite. Pubblico ospite ammutolito al 27’34” dal raddoppio biancazzurro (2-0) che arriva, tra l’altro, in inferiorità numerica, con la solita Guglielmino che se ne scappa via in contropiede e trafigge per la 2ª volta Caneva. Entusiasmo alle stelle al PalAramini ed inevitabile time out richiesto dalla panchina asiaghese. Cinque secondi prima (29’05”) che Salvatore abbandoni la panca puniti, le Pink Vipers riescono in mischia ad accorciare le distanze con l’ex Spinea Tartaglione (2-1). Coach Carboncini capisce che qualcosa sta cambiando nell’inerzia della gara, ma un’incomprensione con le proprie atlete fa ritardare di qualche secondo la richiesta di time out, quanto basta a Toffano per siglare il pareggio (2-2) al 29’31” in un 2 vs 1 con le Ciuchine Volanti che, invece di provare a gestire il disco, commettono un grave errore difensivo perdendone il controllo e facendosi così trovare sbilanciate. Un uno-due micidiale che avrebbe steso qualunque squadra, ma non certo le biancazzurre, desiderose di conquistare una finale che sarebbe il giusto coronamento dei molti progressi compiuti in questa stagione e un premio agli incredibili sacrifici fatti per raggiungere le varie sedi di gara con lunghissime e sfiancanti trasferte. Non a caso Tudini e compagne riprendono a premere sull’acceleratore rischiando di siglare più volte il nuovo vantaggio. Ma che sia una serata maledetta lo si capisce al 35’26” quando, con le padrone di casa a gestire ottimamente un power play per penalità inflitta a De Rocco al 34’32”, dalle retrovie rosanero parte un tiro a liberare di Toffano (doppietta anche per lei) la cui traiettoria beffarda viene mal valutata da Serena Boschi che vede così infilarsi il disco sotto la traversa per il 3-2 a favore delle ospiti. Ospiti che nel finale controllano il risultato nonostante un’altra inferiorità numerica non sfruttata a dovere dalle Ciuchine. Un 3-2 finale che premia la caparbietà delle ragazze dell’altopiano che ci hanno sempre creduto nonostante il doppio svantaggio, ma che punisce troppo severamente le empolesi, davvero sfortunate nella serata di sabato e che avrebbero meritato quanto meno di giocarsi la finale all’overtime.

  • 06-BAR STADIO – Empoli (FI)
  • 08-Comune di Empoli
  • Chianti banca
  • Lions
  • NATURHOUSE






  • login









2 utenti In linea

google
Ricerca interna: