EMPOLI, SCONFITTA CON ONORE A MONLEALE

Secondo in classifica, ad un solo punto dal Milano Campione d’inverno, il Monleale ha dovuto sudarsi i tre punti, contro i Flying Donkeys.

Coach Carboncini, dovendo fare a meno di due attaccanti di spicco, come Milcik e Bellè, ma potendo contare sulla “new entry”, il difensore di grande esperienza Andrea Montanari, (di cui parleremo in dettaglio più avanti), ha optato per una partita prevalentemente difensiva a zona, la cosiddetta “box”, o più italianamente “scatola”.

Nel primo tempo, Monleale cerca subito di scardinare il sistema difensivo dei Biancocelesti, ma si espone ai contropiedi degli attaccanti Toscani.

Bravo Antinori, portiere vicecampione del Mondo, a neutralizzare, quando va vicina al goal la coppia inedita in attacco, Giorgetta-Errico.

Ma anche Sani, e Onorato (spostato in attacco per l’occasione), riescono ad affacciarsi nell’area Piemontese.

Al min. 4,24, è Oddone a beffare Buschi, in posizione non impeccabile -come del resto gli capita di rado, esemplare il portiere Biancoceleste, anche in questa occasione-(1 a 0), ma i Toscani non si perdono d’animo, il loro sistema difensivo funziona, anche in inferiorità numerica (nel primo tempo, neutralizzati ben tre Penalty Killing, grazie anche alla grande esperienza di Montanari), e le squadre vanno al riposo col risultato ancora apertissimo, con un solo goal di vantaggio per i Piemontesi.

Il secondo tempo, vede lo stesso schema del primo, con un Empoli difensivo, e Monleale che cerca in tutti i modi di scardinarlo, e ci riesce Moro, al min.28.50 (2 a 0).

I Flying Donkeys però ci credono, ed è Alessio Sani ad accorciare le distanze, con un’azione di contropiede (2 a 1, min. 35.27).

Quando mancano ormai meno di 15 min. Dalla fine, i Flying Donkeys devono scegliere se accontentarsi di una sconfitta di misura, o se osare di più.

Optano coraggiosamente per la seconda scelta, abbandonando a tratti la difesa a oltranza, esponendosi, ovviamente, ai contropiedi avversari.

Monleale ne approfitta, segnando il 3 a 1 (Di Fabio, min.36.19), e il 4 a 1 (Frizzera, min.36.17).

I Toscani non riescono a concretizzare le poche folate di attacco, un po’, a causa delle difficili condizioni della pista (il disco non ne vuol sapere di stare in terra, ruzzolando, e rimbalzando), un po’, per le proprie imprecisioni (significativa, la penalità per l’uomo in più in campo, a causa di un cambio sbagliato).

Giusta comunque la scelta di provarci, come si sa, una sconfitta è sempre una sconfitta, che sia per uno, o per tre punti di scarto.

I Flying Donkeys possono essere comunque soddisfatti, prima per la buona prestazione, soprattutto in vista delle prime partite del girone di ritorno, dove, se si continua a giocare come a Monleale, ci sarà la possibilità di raccogliere punti, e poi, per il buon esordio di Andrea Montanari, che con la sua esperienza può dare una mano concreta alla squadra.

Il D.S. Paolo Errico:

La scelta di chiedere un aiuto ad Andrea, è stata del tutto improvvisata, quando abbiamo avuto la notizia, che per le ultime partite del girone di ritorno, con molta probabilità perderemo un difensore importante, che purtroppo andrà a lavorare all’estero per 6 mesi (oltre alle carenze economiche per le Società sportive, questo è un altro aspetto triste della crisi economica italiana).

Poi, dal momento che Montanari ha dimostrato grande entusiasmo e disponibilità, gli abbiamo chiesto se poteva darci una mano anche adesso, visto che la squadra non era al completo, e lui ha accettato volentieri.

Devo ringraziare anche la grande disponibilità della Società Arezzo Hockey, per la quale Andrea era tesserato nell’Inline (gioca anche sul ghiaccio, con i Valpellice Bulldogs), che ce lo ha ceduto senza nessuna condizione, come peraltro anche il giovane Massimiliano Cuseri, anch’egli proveniente da Arezzo, e ormai perfettamente integrato nei Flying Donkeys.

Questo scambio di giocatori, è soltanto l’inizio di una collaborazione con l’Hockey Arezzo, che proseguirà con incontri amichevoli, e allenamenti congiunti, tra i giocatori Senior, ma anche fra i ragazzi dei settori giovanili, collaborazione che potrebbe avere interessanti sviluppi anche per la prossima stagione.”

Quando il D.S. Dell’Hockey Empoli mi ha chiesto se potevo dare una mano, ho accettato subito volentieri”. Così il difensore di Torre pellice:”Con la rinuncia alla partecipazione al Campionato delle Società Edera Trieste prima, e dei Lions Arezzo dopo, avevo deciso di partecipare soltanto al Campionato del Ghiaccio con la Valpe (Montanari è un giocatore “storico”, della squadra Piemontese), ma quando Paolo mi ha contattato, sono stato ben contento di rimettermi anche i pattini in linea, anche perché conosco molto bene la maggior parte dei giocatori, con, e contro i quali ho giocato in più occasioni (solo per citarne alcuni, Branzanti, Pazzaglia, Errico, Cuseri, Sani, ecc.), e nonostante io provenga dal ghiaccio, ho sempre avuto una grande passione per l’inline”.

Per sapere qualcosa di più su Andrea Montanari, molto interessante questa intervista di qualche anno fa:

http://www.hockeytime.net/2011/11/09/andrea-montanari-tra-ghiaccio-e-inline/

2012-13 referto arbitrale Monleale-Empoli

La classifica: Milano 21, Monleale 20, Padova 19, Vicenza 16, Cittadella 12, Roma 6, Asiago e Molinese 4, Empoli 3.

Gli altri risultati:

ASIAGO VICENZA 6-7
ROMA MOLINESE 8-4
MILANO PADOVA 5-4
  • 06-BAR STADIO – Empoli (FI)
  • 08-Comune di Empoli
  • Chianti banca
  • Lions
  • NATURHOUSE






  • login









3 utenti In linea

google
Ricerca interna: