EDERA SORNIONA NON PERDONA GLI ERRORI DEI FLYING DONKEYS

Con un primo tempo sotto tono, i Flying Donkeys compromettono in gran parte la partita, riducendo il divario con un secondo tempo da incorniciare, che però non basta a rimediare ai danni.

15 min.di partita su youtube:

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=qOrkwpD_SSc#!

zazzaron e bellè(empoli) e montanari (edera) in azione

Pur senza il Canadese Hammond, l’Edera Trieste va a nozze con le incertezze dei Biancocelesti, e nonostante si sia sentito suonare per primo un palo della gabbia di Peruzzi (tiro di Zazzaron), al primo errore dei Toscani, l’americano Laricchia non perdona, e porta in vantaggio i Giuliani (min. 6,15, 0 a 1).

L’Empoli accusa il colpo, e dopo poco più di due minuti, l’americano raddoppia per Edera (0 a 2, min.8,35).

Eppure, i Flying Donkeys cercano di impegnarsi, ma alcuni errori sia in attacco, con Zazzaron che sbaglia davanti porta con Peruzzi spiazzato, Capitan Errico che con un bel movimento mette giù lo stesso Peruzzi, ma sbaglia il “pallonetto” scavalcando di pochi centimetri la porta, e ancora Sani, che sbaglia una facile deviazione, vanificano la buona volontà, perchè con le squadre di serie A1, e a maggior ragione coi Campioni d’Italia, ogni errore rischia seriamente di trasformarsi in un gol subìto.

A conferma dello stato sottotono dei Biancocelesti, anche i difensori, che sono stati forse i più efficienti nel Campionato fino ad adesso, commettono errori che Edera non perdona, con il Finlandese Tiinus, che porta a 4 reti il vantaggio dei Campioni d’Italia (min.14,18, e Min.17,46).

Al min. 22,15 Pazzaglia stende un avversario e prende 2 min. Di penalità, il Power Play di Trieste è efficace, ancora con Laricchia (min.22,15, 0 a 5).

Al min.21,08, è de Wonderweid a commettere fallo, e il Power Play dei Biancocelesti, anche se un po’ confusionario, vede la prima azione pregevole, con Bellè, che sfrutta alla perfezione un assist di Lunardini, nato da un contropiede perfetto, che vede i Biancocelesti attraversare il campo con quattro passaggi di prima, veloci e precisi (1 a 5).

Peccato, che il gol della bandiera del primo tempo venga vanificato dal sesto gol dei capoclassifica,ancora di Tiinus (min.24,22. 1 a 6).

Non sappiamo cosa Coach Carboncini abbia detto ai suoi nell’intervallo, ma nel secondo tempo, si vede in campo un altro Empoli.

Tutti lottano su ogni disco, cercano di togliere il respiro agli avversari, e dominano il campo.

Purtroppo, si vede ancora qualche errore sotto porta, e qualche contropiede subìto (min.32,50 Andreotti, 1 a 7), ma in campo c’è un Empoli veloce, grintoso, e molto più preciso.

L’impegno viene finalmente premiato col gol di Milcik su assist di Capitan Errico, dopo una bella azione nata da un recupero dell’ottimo Giorgetta, che si è strameritato il posto in seconda linea, (2 a 7, min.38,12), poi 11 minuti di gioco dal ritmo forsennato, con Edera che comincia a risentire della fatica, dovendo affrontare i rapidi cambi delle tre linee Biancocelesti, ma riesce a dare l’ultimo colpo di coda sfruttando un errore difensivo col contropiede di Montanari, che porta a 8 i gol dell’Edera.

Il finale di partita vede salire in cattedra Capitano Errico, che accorcia le distanze, prima su azione personale, recuperando un disco in una mischia sotto porta (min.49,20, 3 a 8), e dopo l’ingaggio successivo, grazie ad una bella azione combinata con Rovai e Milcik, riceve un assist perfetto da Giorgetta, arriva in tuffo sul disco con la punta della stecca, beffando il portiere Dudine, che aveva sostituito Peruzzi davanti alla gabbia del Trieste (min.49,46, 4 a 8 doppietta per il capitano).

In conclusione, il pubblico di sostenitori dei Flying Donkeys ha lasciato il Pala Aramini soddisfatto per il bell’hockey visto soprattutto nel secondo tempo, anche se tra i giocatori Biancocelesti si poteva toccare con mano il rammarico, e la consapevolezza che giocando fin dal primo minuto con un’ intensità pari a quella del secondo tempo, il Trieste avrebbe dovuto faticare ancora di più per portare a casa il risultato.

Un’altra lezione, per imparare come si sta nella massima categoria di questo sport,ed è auspicabile che tutti ne facciano tesoro, visto che una squadra come quella di Empoli, che non vede fra le sue fila grandi individualità, deve crescere globalmente, come un unico insieme di giovani che lavorano per un obiettivo comune:

Guadagnarsi la salvezza con le proprie forze, senza “aiutini” o furbizie.

I risultati delle altre partite:

Latina-Cittadella 7 a 10

Asiago-Arezzo 8 a2

Milano- Monleale posticipo Martedì10 gennaio diretta raisport 1

La classifica:

Trieste 30, Monleale 22, Vicenza 20, Asiago 19, Milano 14, Cittadella 12, Padova 11, Empoli 6, Latina 3, Arezzo 3.

(Fonte Sito Uff.Legahockey)

Prossima partita:Sabato 14 Gennaio, ore 19,00 a Empoli,  Flying Donkeys Empoli vs. Ghosts Padova.

rovai,giorgetta, e buschi (empoli), il finlandese tiinus (edera)

  • 06-BAR STADIO – Empoli (FI)
  • 08-Comune di Empoli
  • Chianti banca
  • Lions
  • NATURHOUSE






  • login









7 utenti In linea

google
Ricerca interna: